Giacomo Bajamonte, il tuo consulente finanziario
Giacomo Bajamonte, il tuo consulente finanziario 
19.06.2018
Giacomo Bajamonte
Nessun commento
La banca deve gestire bene i tuoi risparmi! Questo è un imperativo categorico. Un esercizio utile per sapere se la banca sta facendo una buona gestione dei tuoi investimenti è il confronto del tuo rendimento da inizio anno (chiamato in gergo YTD - Year to Date) con quello dei professionisti del settore. Non preoccuparti di controllare manualmente le performance che stanno facendo, l'ho fatto io per te, lo trovi sotto, ricorda solo che nel calcolo del tuo YTD personale devi aggiungere le cedole e i dividendi. Ecco le categorie con cui devi confrontarti, che raggruppano più o meno tutte le categorie di investitori, eccetto ovviamente gli investitori di nicchia: Portafoglio misto azioni/bond Bilanciati Flessibili EUR Globali (possono ripartire a loro discrezione la % azioni/bond, anche lo 0% o il 100% in ognuno) YTD (rendimento dall'1/1) -0,88% Bilanciati Aggressivi EUR Globali (più azioni di tutti gli altri bilanciati eccetto dei flessibili quando allocati al 100% azionario) YTD +0,82% Bilanciati Moderati EUR Globali (meno azioni degli aggressivi ma più dei prudenti) YTD -0,77% Bilanciati Prudenti EUR Globali (meno azioni tra tutti i bilanciati) YTD -1,25% Portafoglio solo bond Obbligazionari Globali EUR Hedged YTD -1,86% Portafoglio solo azioni Azionari internazionali large cap blend (aziende stabili, in mezzo tra le value - cioè già affermate - e le growth - cioè in crescita) YTD +4,17% www.giacomo-bajamonte-palermo.com
Non è per niente difficile impostare una truffa, o meglio, un comportamento più o meno scorretto gestendo un Hedge Fund. Un Hedge Fund è sempre classificato come Alternatives (Alt - [categoria], ad esempio Alt-volatilità) da Morningstar, in questo articolo vedremo qual è il trucchetto delle truffe con questo mezzo, ma prima un po' di storia di truffe o pseudo-tali con gli Hedge Fund. LTCM Questo Hedge, gestito da 2 premi nobel, ha richiesto addirittura un'iniezione di liquidità da parte di un consorzio di banche prima di chiudere nel 2000. È stato il più grosso Hedge Fund a fallire della storia. LMJ - Preservation and Growth Questo Hedge, pubblicizzato ai risparmiatori come "il prodotto per il buon padre di famiglia", tra il 5 e il 7 febbraio del 2018 ha perso l'80%, prima di chiudere. Euroption e The 1.2 Fund Storia tutta italiana quella di questi 2 Hedge, incorsi in perdite disastrose prima di fallire. Poi c'è la storia del celeberrimo schema Ponzi di Bernard Madoff, che pagava i rendimenti utilizzando i capitali dei nuovi sottoscrittori, fino a che non ci sono state troppe richieste di rimborso e la truffa andò in crash. Ma cosa avevano il comune tutti questi Hedge Funds? Avevano tutti delle commissioni di performance (anche se l'LJM le ha tolte dal 1° agosto 2014), tutti erano classificati come Alternative da Morningstar e tutti scommettevano su eventi improbabili. Ecco il trucchetto: Esistono siti che ti creano un Hedge Fund in un paese estero chiavi in mano, come ad esempio FundWorld e molti altri. Per come la vedo io, il trucchetto è molto semplice. Apro un fondo rischiosissimo mettendo delle commissioni di performance e scommettendo su eventi lucrativi e molto improbabili. Mi va bene, salgo, dell'1-2% al mese. Nel mentre percepisco le commissioni di performance. Capita l'evento inatteso contro cui scommetto: faccio una performance disastrosa e chiudo, a me che m'importa? Il capitale lo perdono i sottoscrittori. Nel mentre le commissioni di performance che ho incassato le ho tenute in un conto separato. Fine del fondo e fine dei giochi, il discorso è molto semplice. www.giacomo-bajamonte-palermo.com tratto da www.finanzaonline.com
14.04.2018
Giacomo Bajamonte
Nessun commento
Vuoi sapere cosa sono le polizze dormienti? Se hai un parente stretto e non deceduto da meno di 10 anni dovresti interessarti alle polizze dormienti. Potresti, infatti, essere intestatario di una o più polizze dormienti senza saperlo. Andiamo a vedere cosa fare e le pratiche da sbrigare nel caso tu sospetti di essere intestatario di una polizza dormiente. Riallacciandomi a questo articolo: Guida breve alla successione causa morte e in particolare alla frase: Eventualmente, sta all'erede che ha ricevuto meno della sua legittima intentare causa agli altri per la restituzione delle somme. Ammesso che lo venga a sapere. andiamo a vedere cosa dovrebbero tutti fare se hanno un parente stretto e non deceduto da meno di 10 anni. La frase in grassetto su genera polizze dormienti. Immaginiamo un figlio con pessimi rapporti con i genitori o due coniugi che vogliano tenere separati i propri patrimoni dopo il decesso. Queste sono solo alcune cause che generano polizze dormienti. Bisogna compilare questo modello: http://www.ania.it/export/sites/defa...nnaio-2018.pdf e spedirlo a: ricerca_vita@ania.it. La presenza di eventuali polizze dormienti verrà comunicata direttamente dalle compagnie assicuratrici. Facile, no? www.giacomo-bajamonte-palermo.com
21.03.2018
Giacomo Bajamonte
Nessun commento
Premettendo che bisogna distinguere i casi reali da quelli americani (dove grazie al Chapter 11 in sostanza anche i privati - oltre alle aziende - possono dichiarare fallimento anche quando non lo sono per beneficiare di un periodo di grazia e di riorganizzazione - un caso celebre è Nicholas Cage e anche Trump ha dichiarato fallimento aziendale per 4 volte), analizziamo un po' di persone finite dalle stelle alle stalle per casi di mala gestio finanziaria, metto tutti i link sotto per comodità: Alvaro Vitali - Pierino Claudio Lippi Il manager gli ha fregato mezzo milione ed è rimasto con 7k sul conto Laura Antonelli Morta poverissima, viveva con 510 euro netti di pensione Franco Califano Morto anch'egli poverissimo, aveva fatto richiesta allo stato per mantenersi citando la legge Bacchelli Maurizio Ferrini - La signora Coriandoli Finito in disgrazia si è convertito al cattolicesimo Maurizio Schillaci - Fratello di Totò Dalla serie A a barbone a Palermo, problemi di droga Gigi D'Alessio Truffa del manager, storia di un marchio di cui non aveva i diritti. Honorable Mention a Gigi Buffon che con la Zucchi ha bruciato 20 milioni di euro. FONTI http://www.corriere.it/spettacoli/cards/marco-noce-claudio-lippi-altri-volti-noti-tv-finiti-lastrico/marco-noce-altri_last.shtml]Alvaro Vitali: «Dopo il successo ho finito i soldi» - Corriere.it http://www.gazzetta.it/Calcio/12-10-2013/maurizio-schillaci-cugino-toto-zeman-b-lazio-poi-droga-ora-barbone-201345406525.shtml?refresh_ce-cp]Maurizio Schillaci, da bomber a barbone: , "Io, Tot?, Zeman, la Lazio, poi la droga..." - La Gazzetta dello Sport http://notizie.tiscali.it/cronaca/articoli/gigi-dalessio-sul-lastrico-per-colpa-di-una-lambretta/]Gigi D'Alessio sul lastrico per colpa di una lambretta - Tiscali Notizie https://it.eurosport.com/calcio/serie-a/2016-2017/gigi-buffon-con-zucchi-ho-perso-20-milioni-ma-ho-salvaguardato-il-futuro-di-1.200-famiglie_sto5705447/story.shtml]Gigi Buffon: "Con Zucchi ho perso 20 milioni ma ho salvaguardato il futuro di 1.200 famiglie" - Serie A 2016-2017 - Calcio - Eurosport www.giacomo-bajamonte-palermo.com
09.03.2018
Giacomo Bajamonte
Nessun commento
Vuoi sapere le pratiche da svolgere nella successione ereditaria? La differenza che c'è tra successione ereditaria di un conto corrente o un dossier titoli e la successione ereditaria di una polizza vita ramo I (gestione separata) o ramo III (Unit Linked)? Se sei finito qui vuol dire che la successione ereditaria di un conto o dossier titoli e della polizze vita ti interessa, per cui continua a leggere. Esistono sostanziali differenze tra la successione causa morte di un conto corrente (o un dossier titoli) e una polizza vita (ramo I o III, cioè gestione separata o Unit Linked, è indifferente). Per farla breve e senza usare termini legali, nel caso il defunto abbia un dossier titoli o un conto corrente, la banca congela le somme e le sblocca solo in presenza di tutti gli eredi legittimi [1] [2], ne consegue che ogni erede saprà cosa tocca all'altro (impossibile per un coniuge nascondere la somma al consorte). Nella successione di una polizza vita invece, siccome non concorre nella formazione dell'asse ereditario [3] [4] (cioè vi è assenza di successione legittima), i beneficiari, qualora indicati espressamente in vita dal contraente della polizza, ricevono semplicemente le somme facendone richiesta all'assicurazione, ne deriva che nessun erede sa chi è e cosa tocca all'altro, non vi è congelamento delle somme come avviene invece per i dossier titoli ed i conti correnti. Eventualmente, sta all'erede che ha ricevuto meno della sua legittima intentare causa agli altri per la restituzione delle somme. Ammesso che lo venga a sapere. E anche se lo sapesse, non è detto che, agendo per vie legali, l'assicurazione faccia il nome degli altri beneficiari, la giurisprudenza su questo tema è divisa [5]. [1] Eredità: la successione del conto corrente, avv. Enrico Braiato, https://www.laleggepertutti.it/102998_eredita-la-successione-del-conto-corrente [2] Conto corrente “congelato” dalla successione: come sbloccarlo?, Marco Marson, https://www.fisco7.it/2016/05/conto-corrente-congelato-dalla-successione-come-sbloccarlo/ [3] Le polizze vita e l'asse ereditario, Daniele Bussola, http://www.ffeventi.it/articoli/05%20-%20Poliize%20Vita%20-%20Asse%20ereditario.pdf [4] Eredità e polizze a vita, Avv. Luisa Camboni, https://www.studiocataldi.it/news_giuridiche_asp/news_giuridica_16201.asp [5] Il diritto di accesso degli eredi alle informazioni detenute da compagnie assicurative su polizze contratte dal de cuius, Studio legale Picozzi e Morigi, http://www.picozzimorigi.com/index.php?do=blog&id=56
Vuoi sapere come sono le tasse di successione in Europa? Se stai cercando informazioni sulle tasse di successione in Europa, sei nel posto giusto.  Anche se variegate, è possibile stabilire un filo conduttore tra le tasse di successione europee. I maggiori contribuenti dell'Eurozona sono, in ordine sparso: Francia, Italia, Germania e Spagna. Partendo dal caso italiano (unicum fiscale in Europa, vero paradiso fiscale successorio, almeno tra questi 4 paesi, come vedremo in seguito) lo strumento più utilizzato per evitare le tasse di successione (che hanno franchigia elevatissima, 1 mln, e aliquote bassissime, tra il 4% e l'8%) sono le polizze di ramo I (polizze a Gestione Separata) per gli investitori più cauti e le polizze di ramo III (Unit Linked) per investitori dinamici. Per le prime vi è una trattenuta sul rendimento variabile, all'incirca 1-1,5% e le Unit hanno più o meno gli stessi costi (anche se soggiacciono a dinamiche completamente diverse delle ramo I) In Francia, Spagna e Germania le tasse di successione sono molto più salate e prevedono aliquote e franchigie diverse per parentela, generalizzando pane e salame e concentrandoci su parenti in linea retta e patrimoni importanti, si può affermare: Francia, aliquota al 45% Spagna, aliquota al 34% ma diversa per ogni comunitad autonoma Germania, aliquota dal 30 al 50% In Francia, Germania e Spagna non si utilizzano le Unit linked, perché hanno una tassazione molto più sfavorevole dell'Italia, non posso entrare nel dettaglio (non avendoli avuti dall'avvocato) ma mi ha confermato l'inutilità. Quello che si usa sono polizze denominate "private insurance", dove confluiscono non solo liquidità, ma anche immobili, quote societarie ecc. Soglia minima di ingresso 1 mln. Purtroppo non forniscono i prospetti ai non residenti e quindi mi è impossibile verificare i costi. Resta il fatto che le tasse di successione, in questi paesi, sono di fatto facoltative. Tratto da: finanzaonline.com www.giacomo-bajamonte-palermo.com
30.11.2017
Giacomo Bajamonte
Nessun commento
Vuoi sapere quanto manca allo storno globale? Probabilmente, viste le recenti salite del mercato azionario, sei preoccupato di uno storno globale, un crash azionario che scremi i rendimenti accumulati finora. Uno storno globale o un crash è sempre possibile e, attualmente, sulla bocca di tutti. Ecco per te, gratis, un programma excel semiautomatico che ti aiuta a prevedere uno storno globale o un crash azionario! ISTRUZIONI Questo programma excel, quasi completamente automatico, lo userò per uscire dall'azionario. Importa automaticamente i dati e si autoaggiorna, l'unica caselletta da modificare è quella con la bordatura, in questa maniera: Ad esempio ad oggi, la suddetta casella riporta =SOMMA(((128,2-D2)/128,2)*100) dove 128,2 è il prezzo corrente (di un buon fondo 50%-50% a cui ho arbitrariamente attribuito un rendimento previsto del 3% - caselletta B4-0,6% di dividendo annuo), va sostituita a mano, dopo avere aggiornato il foglio (cliccando su "dati-aggiorna tutto") e inserito a mano il prezzo corrente, se ad esempio sale a 130 la formula nella caselletta bordata diventerà =SOMMA(((130-D2)/130)*100). La caselletta bordata è una %, se a 0 o positiva indica un possibile storno. Per domande sul funzionamento e sui parametri di calcolo, prego, commentate. LINK AL PROGRAMMA: http://www.finanzaonline.com/forum/attachments/etf-fondi-e-gestioni-e-investment-certificates/2456931d1512066881-quanto-manca-allo-storno-globale-programma-excel-crash.xlsx tratto da finanzaonline.com www.giacomo-bajamonte-palermo.it
30.09.2017
Giacomo Bajamonte
Nessun commento
Quando avverrà il crollo azionario nel 2017? Probabilmente ti stai chiedendo, dati gli indici americani sui massimi, quando avverrà il crollo azionario nel 2017. Se lo stanno chiedendo tutti gli operatori di mercato. Anche alla TV e alla radio ogni tanto parla qualche economista e si chiede: Quando avverrà il crollo azionario del 2017? Prendiamo in analisi 2 buoni fondi, senza la pretesa siano i migliori sul mercato (che in questa discussione non rileva) ma che siano, appunto, "buoni"; uno con un'allocazione classica 50% azionario 50% obbligazionario adatta ai più audaci e l'altro con il più prudente 65% obbligazionario e 35% azionario. Per cercare di limare il rischio geografico, atteniamoci alle categorie morningstar "bilanciato globale moderato" e "bilanciato globale prudente" e per eliminare il rischio valutario prendiamoli in euro. Entrambi hanno avuto il massimo storico nello stesso identico giorno, ad aprile 2015. Proprio a ridosso della presunta crisi cinese (evaporata nel nulla), della querelle greca (finita a tarallucci e vino), dello scandalo del dieselgate e di altre cose che si sono susseguite, prima o dopo il picco dei fondi, con cadenza regolare per qualche mese. Il risultato è stato 2 anni di rendimento zero. Ipotizziamo, adesso, molto grossolanamente, il rendimento di un portafoglio 65% obbligazionario e 35% azionario. La parte obbligazionaria ipotizziamo abbia una scadenza decennale (nella media) e rating medio (BBB/BB), a spanne mettiamo debba rendere come cedole un 2,5% annuo, corrispondente all'1,6% del totale. Aggiungiamoci l'1,75% di plus aggiunto dalle azioni (corrispondente al 5% di rendimento per la sola parte azionaria, un rendimento tutto sommato buono ma niente di eccezionale) e arriviamo al 3,3% annuo. Quindi il mercato, in questi 2 anni, si è "mangiato" circa il 6,5% di mancati guadagni. Ovviamente per il fondo con più azioni è ancora peggio, anche se ciò è compensato dal fatto che si è ripreso meglio per via della ottima performance azionaria dell'ultimo anno. C'è ancora da correre prima dello storno. P.S. Fondi in esame: Allianz Global Investors Fund - Allianz Dynamic Multi Asset Strategy 50 A EUR LU1019989323 Pioneer FS Conservative E EUR ND LU1121648395 www.giacomo-bajamonte-palermo.com Discussione tratta da www.finanzaonline.com
12.07.2017
Giacomo Bajamonte
Nessun commento
Parleremo di crollo azionario. Quanto ne sai o credi di saperne sul crollo azionario? Probabilmente, se sei giovane, non hai mai vissuto un crollo azionario degno di nota. Si verificano di continuo in qualunque epoca, ma il peggiore crollo azionario più recente qual è stato? Cosa ha causato nella psiche degli investitori? Se sei incuriosito dal crollo azionario e conseguenze, continua la lettura! 6 anni. Tanto è il tempo più lungo dell'ultimo quarto di secolo in cui un investitore nel mercato americano (precisamente l'S&P500), entrando con il peggior timing possibile, ci sarebbe stato per rivedere il proprio investimento verde. Da agosto 2000 a ottobre 2006, ne passano di pensieri in tanto tempo. Quanti avrebbero mantenuto l'investimento? Quanti avrebbero disinvestito dopo 1, 2, 5 anni? Caso isolato, starete pensando. E invece no, stessa storia, pochi anni dopo e quasi stesso tempo per rivedere il segno +, tempo pari a 5 anni. Ottobre 2007 - marzo 2012. Per confronto, chiamandolo "mini-storno", senza preoccupazione di usare termini inadeguati, tutti abbiamo memoria di cosa successe a partire da luglio 2015. I TG parlavano di "crisi Grecia", "crisi Cina". "Mini-crisi", forse. L'indice in oggetto si è ripreso in nemmeno 1 anno. Contro 6 anni e 5 anni. E precisando che si tratta degli ultimi 25. Grafico S&P500 Total Return fornito da Yahoo Finance www.giacomo-bajamonte-palermo.com Tratto da: finanzaonline.com
30.10.2016
Giacomo Bajamonte
Nessun commento
Hai mai sentito parlare di Grazia Orlandini? Probabilmente non hai mai sentito nominare il nome di Grazia Orlandini e non ti dice nulla, anche se lavori in campo finanziario, nemmeno se ti dicessi che Grazia Orlandini è un gestore di un importante hedge fund. Ma perché ho deciso di parlarti di Grazia Orlandini? Continua a leggere, se sei curioso. Laurea alla Bocconi. Approfondimento studi alla Berkeley. Certificazione Chartered Financial Analyst (CFA). Incarichi sia alla IMI Fideuram che in Anima SGR che in Banca Intesa. Alpha Hedge Selection C Fondo Multistrategy Hedge, come tutti di questa categoria pochissimi vincoli di asset allocation. Investimento minimo mezzo milione.  Perché queste premesse? Seguiamo tutti i mercati da 3 anni e abbiamo assistito a un interessante bull market. Questo fondo è riuscito a perdere in questo periodo il 6,66%. E andando indietro? Non si migliora di molto. Indietro di 5 anni la perdita è del 4,5%. Perché dico questo? Occhio che il curriculum non fa il gestore, il gestore lo fanno i risultati, diffidate sempre e comunque da chi non ha un track record. www.giacomo-bajamonte-palermo.com http://www.borsaitaliana.it/borsa/fondi/dettaglio/6FADB121364.html?lang=it http://www.itforum.it/rimini2015/relatori/ORLANDINI https://en.wikipedia.org/wiki/Chartered_Financial_Analyst Tratto da: finanzaonline.com

3420746177

0917828183

091 451981

 

 

Potete usare il nostro modulo online o scrivere a:

bajamonte.giacomo@gmail.com

Orari d'apertura

08:00-20:00 da lunedì a venerdì

(solo su appuntamento)

Master Card Visa American Express PayPal
MasterCard, Visa, American Express, Paypal

Condividi questa pagina su: